La valle del Roia
Rischi naturali e paesaggi

1/ Lettura del paesaggio

Raggiungete la cappella di Notre Dame du Mont (route de la Madone), edificio costruito nel XI° secolo.
GPS : N 43°56'24,096'' / E 7°30'17,316''

Avvicinatevi al campanile per osservare ed ascoltare il paesaggio di Breil-sur-Roya.

Gioco

Prendete una matita e completate il panorama !

Geologia e morfologia del territorio

Relief et hydrographie

Il territorio presenta una morfologia tipica di ambiente montano, caratterizzata da forti pendenze. Due linee di cresta costituite da bancate di marne calcaree* depostesi nel cretaceo (tra 135 e 65 milioni di anni fa) delimitano una piena alluvionale. Questa è ricoperta principalmente da detriti, gesso* e carniole* del triassico (tra 245 e 205 milioni di anni fa) e sedimenti alluvionali*.  E’ in questa piana che si è sviluppato il vecchio centro di Breil.

Rilievi e idrografia del settore (Fonte : ©GEOPORTAIL www.geoportail.fr)

RICORDA !

Un pericolo* è la manifestazione di un fenomeno naturale (ciclone, inondazione, smottamento…) o antropico.

Osservando il paesaggio, quali sono secondo te i pericoli visibili ?

  • Inondazioni (corsi d'acqua)
  • Smottamenti (forti pendenze e pareti rocciose)
  • Incendi* (vegetazione)

2/ La percezione del rischio dal ponte Charabot !

Siete arrivati al ponte Charabot,a livello della conflueza tra il Lavina e il Roia ! Aprite bene i vostri occhi e guardate ciò che vi circonda.
GPS : N 43°56' 8,116'' / E 7°30'47,442''

Data la posizione strategica l’abitato di Breil, situato lungo la via del sale, ha giocato sin dall’ antichità un ruolo fondamentale nelle attività commerciali tra Nizza e il Piemonte. Prima di diventare territorio francese al confine con l’ Italia, Breil è stata territorio di frontiera tra numerose contee. Ad oggi la città conta 2212 abitanti (INSEE 2009).

Storia e sviluppo di Breil
(Fonte : PLU de Breil , Atelier Alain PHILIP)

Giochi

Osservazione

Guardandoti intorno, noterai una grande varietà di elementi vulnerabili ai fenomeni naturali (pericoli). Classifica i diversi tipi di elementi a rischio e i diversi pericoli* che possono interessarli.

Cos’è un rischio naturale* ?

Hai adesso tutte le informazioni per completare la formula e definire il rischio naturale*! Sta a te giocare!


Rischi naturali a Breil

Rischio inondazione

Cosa hanno in comune queste date ? Le inondazioni hanno luogo la maggior parte delle volte in autunno periodo in cui le piogge sono generalmente più frequenti nelle regioni mediterranee.

Risques d'inondations

Piena* del 1926 per la costruzione di una diga (Fonte : Thierry Caproni, EDF)

Rischio incendi boschivi

Con l’aumento della popolazione, l’ uomo ha cominciato a costruire abitazioni anche sui versanti incrementando notevolmente il rischio di incendi boschivi.

risque feu de foret

Versante nei pressi del col de Brouis 1960-oggi (Fonte : Mairie de Breil et Elise Tixerand)

Rischio sismico

Anche se non presenta evidenti manifestazioni, il rischio sismico della zona di Breil è rilevante. La zona è classificata come di livello 4 su 5 secondo la scala francese.

Il 23 febbraio 1887, un sisma di magnitudo tra 6,5 e 6,8 della scala Richter* ha fatto tremare tutta la costa mediterranea franco-italiana causando la morte di 635 persone e 555 feriti. Le città di Bussana, Baiardo, Diano Marina, Taggia e Castellaro sono state particolarmente colpite dal fenomeno. A Breil la cappella della Misericordia si è fessurata durante la celebrazione della messa e il prete ha ordinato l’ evacuazione immediata. I lavori di restauro sono stati realizzati nei primi anni del 2000

risque sismique

Cappella della Misericordia prima e doppo il sisma del 1887 (Fonte : www.azurseisme.com et Elise Tixerand)

3/ Il gesso : del sale sotto i vostri piedi

Raggiungete Promenade Georges Clemenceau, a fianco del campeggio
GPS : N 43°56'31,799'' / E 7°31'4,669''

Avvicinandoti al bordo del Roia, a fianco del campeggio, vedrai sulla riva opposta il gesso.

Cosa notate guardando la forma di questa roccia bianca?
Il gesso è una roccia tenera e di bassa densità. Si è formata nel Triassico circa 245 milioni di anni fa

Sapete che... ?

Il gesso é facile da riconoscere: si puó rigare con l’unghia!

Formation du gypse

Formazione del gesso (Fonte : Lisa Marie Johann)

Affleurement de gypse en amont du stade de Breil

Affioramento di gesso a monte dello stadio di Breil

Questa dissoluzione* provoca la formazione di cavità sotterranee ed erosione.

Camminando lungo il bordo del fiume, in direzione del Ponte Superiore, fermati al campo di basket. Voltandoti trovi una delle prime tracce di sprofondamento dovuto alla dissoluzione del gesso.

Affaissement de terrain

Sprofondamento del terreno (Source : Christopher Laurent)

Video

4/ Convivere con le inondazioni : metti gli stivali !

Raggiungete Promenade Georges Clemenceau, sotto il Ponte Superiore
GPS : N 43°56' 23,15'' / E 7°31' 0,304''

Compara il diverso livello tra gli edifici sulla riva sinistra e quella destra rispetto al fiume. Sulla riva destra il fiume e le abitazioni sono quasi allo stesso livello.

Qui l’inondazione* è un vero e propio rischio.

Inondation de la Promenade Georges Clemenceau

Inondazione della Promenade Georges Clémenceau (Fonte : archivi dei pompieri di Breil)

Sono stati realizzati degli interventi di prevenzione e protezione.

Evacuatore e scala di piena (Fonte : Christopher Laurent)

Una scala di piena* sotto il Ponte Superiore serve ad avvisare il cittadino sull’ aumento del livello dell’ acqua.

In seguito alla piena centennale* del 1920 sono stati realizzati degli evacuatori di piena*. Si tratta di due gallerie di scolo che passano sotto al villaggio di Breil e si ricollegano, alla fine di esso, al Roia. In caso di piena, i muri che le separano dal fiume sono scavalcati dall’acqua che passa attraverso le due derivazioni.

Grazie a questa ripartizione il fiume confluisce verso la parte vulnerabile, cioè tra il Ponte Superiore e il Ponte Charabot, con una portata d’acqua inferiore.

5/ Rughe sugli edifici ?

Raggiungete piazza Brancion
GPS : N 43°56'16,656'' / E 7°30'52''

Le facciate degli edifici mostrano numerose fessurazioni dovute a movimenti del suolo. La parte della fondazione che poggia sulla zona dove si origina la cavità, sprofonda costringendo la parte stabile a lavorare per entrambe. L’abitazione si fessura in prossimità delle zone più delicate (porte e finestre) e in corrispondenza di tutte le parti non strutturali.

In seguito alla formazione di numerose fessure sulle abitazioni e all’evacuazione della maison Guidi, il comune ha richiesto numerosi studi per determinare le cause di questo fenomeno. La dissoluzione del gesso viene considerata la più probabile.

effondrement

Cedimento strutturale (Fonte : Christopher Laurent)

6/ La roccia sopra le vostre teste

Raggiungete rue Ciappera fino a raggiungere uno stabilimento chiamato Source de la Giavondola dove a fianco troverete il sentiero « Croté Casté ».
GPS : N 43°56'14,243'' / E 7°30'55,022''

Ecco un esempio di azione di protezione contro la caduta massi realizzato all’inizio degli anni 2000.

Sono stati utilizzati due tipi di impianto. Delle reti di ancoraggio installate a contatto della parete rocciosa e delle reti paramassi* posizionate sul versante con lo scopo di intercettare i blocchi e frenarli dissipando la loro energia.

Moyen de protection

Metodi di protezione (Fonte : Christopher Laurent)

Sapete che... ?

Una rete paramassi può resistere ad un autocarro di 12t lasciato cadere da un’altezza di 30m.